Domande frequenti

Intestazione domande frequenti

Domande frequenti

Navigazione Categorie

Scegli una categoria:

Accesso

Aggregatore Risorse

Contenuto con FAQ Accesso times .

Come previsto nel provvedimento di accesso alla dichiarazione precompilata, da quest’anno l’erede può accedere alla dichiarazione precompilata “completa” del de cuius, contenente, cioè, i dati reddituali e degli oneri relativi alle persona deceduta presenti nell’Anagrafe Tributaria, tramite l’applicativo web messo a disposizione dall’Agenzia. Per effettuare l’accesso, visualizzare la dichiarazione precompilata, accettarla o modificarla e inviarla, l’erede deve essere stato appositamente autorizzato. L’erede può ottenere l’autorizzazione presentando direttamente presso un ufficio dell’Agenzia, o inviandola tramite PEC dopo averla sottoscritta digitalmente, la documentazione attestante la propria condizione di erede o una dichiarazione sostitutiva. Dopo essere stato autorizzato una prima volta con le modalità appena descritte, l’erede potrà richiedere l’autorizzazione per l’anno successivo, direttamente in via telematica senza dover presentare nuovamente la richiesta con la relativa documentazione. Pertanto, anche se lo scorso anno l’erede ha inviato la dichiarazione per conto della persona deceduta utilizzando l’applicativo web della dichiarazione precompilata, quest’anno per accedere alla dichiarazione precompilata “completa” in qualità di erede deve comunque farsi autorizzare con le modalità sopra descritte.


Questo contenuto ti è stato utile ?

L’erede per accedere alla dichiarazione precompilata del de cuius, e poi inviarla, deve essere abilitato. A tal fine deve recarsi personalmente presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate ed esibire la documentazione attestante la propria condizione di erede o una dichiarazione sostitutiva con la quale attesta la propria condizione. In alternativa, l’erede può inviare la richiesta all’ufficio territoriale tramite PEC, sottoscrivendola digitalmente. Inoltre, se un erede, autorizzato all’accesso, ha già inviato la dichiarazione 730 precompilata riferita alla persona deceduta oppure l’ha accettata o ha iniziato a modificarla, gli altri eredi autorizzati all’accesso possono comunque visualizzarla e stamparla, ma non possono inviarla.Per consentire l’invio ad un altro erede abilitato, l’erede che ha già effettuato l’accesso deve prima “rinunciare” attraverso un’apposita funzionalità presente nell’applicativo web.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Utilizzando le credenziali dell'Agenzia delle Entrate e, quindi, scegliendo di operare in qualità di Tutore o Genitore.

Il tutore, per essere abilitato all'accesso alla dichiarazione precompilata del soggetto sotto tutela, dovrà recarsi personalmente presso un qualsiasi ufficio territoriale dell'Agenzia delle Entrate ed esibire la documentazione attestante la propria condizione di tutore. In alternativa, in caso di prima nomina, può inviare la richiesta (comprensiva della documentazione) tramite PEC a qualunque ufficio territoriale, sottoscrivendola digitalmente. Per gli anni successivi, la richiesta di rinnovo può essere inviata all’ufficio anche con semplice email, allegando comunque il provvedimento già depositato in ufficio (o fornendo gli estremi di quello già depositato in occasione della prima richiesta) e la copia del documento di identità del tutore/amministratore.

A differenza del tutore, il genitore potrà presentare una dichiarazione sostitutiva con la quale attesta la sua condizione.

Anche il genitore potrà comunque inviare la richiesta, tramite PEC, a qualunque ufficio territoriale, sottoscrivendola digitalmente insieme alla copia del documento di identità del minore.

In alternativa, il genitore che abbia presentato per conto del figlio minore la dichiarazione dei redditi relativa all'anno d'imposta precedente, potrà accedere direttamente alla dichiarazione precompilata del minore senza bisogno di recarsi in ufficio.


Questo contenuto ti è stato utile ?

E' possibile accedere alla dichiarazione precompilata utilizzando le credenziali SPID (il nuovo Sistema Pubblico dell'Identità Digitale per accedere ai servizi della Pubblica Amministrazione) oppure quelle rilasciate da:

  • Agenzia delle Entrate fino al 28 febbraio 2021 come utente Fisconline
  • Inps con Pin dispositivo (direttamente dal sito dell'ente di previdenza).

L'accesso alla dichiarazione precompilata è possibile anche con l'utilizzo della Carta d'identità elettronica 3.0 (CIE) e della Carta Nazionale dei Servizi (CNS).


Questo contenuto ti è stato utile ?

Coloro ai quali è stata conferita un'apposita delega. E' possibile visualizzare l'elenco dei soggetti ai quali sono stati resi disponibili sia la dichiarazione precompilata sia il foglio riepilogativo, tramite le apposite funzionalità presenti nell'area autenticata 730 precompilato nonché consultando il proprio cassetto fiscale.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Sì, è possibile rivolgersi al proprio sostituto d'imposta (se presta assistenza fiscale), a un Caf o a un professionista abilitato, fornendo un'apposita delega, insieme alla copia di un documento di identità, in formato cartaceo o in formato elettronico. Nella delega deve essere indicato:

  • il proprio codice fiscale
  • l'anno d'imposta cui si riferisce la dichiarazione 730 precompilata
  • la data di conferimento della delega, precisando che, a partire dalla stessa data, è possibile accedere sia al 730 precompilato sia al foglio riepilogativo dei dati.

Questo contenuto ti è stato utile ?

Per prima cosa occorre verificare che il Pin rilasciato dall'Inps sia di tipo dispositivo. Se non lo è, la procedura di autenticazione lo segnala e indica come convertirlo. E' possibile accedere direttamente all'area riservata tramite il sito dell'Inps, ma l'accesso può essere effettuato anche dal sito dell'Agenzia delle Entrate.


Questo contenuto ti è stato utile ?
Mostrati 7 risultati.