Contenuti della pagina| Menu principale

Il sito La tua dichiarazione precompilata - Info e Assistenza è un progetto dell'Agenzia delle Entrate

Altre lingue:

Quadro A - Terreni

Attenzione: se utilizzi il browser Firefox potresti avere difficoltà ad accedere a questo quadro (segnalazione di errore "Errore su server -1").
Ti consigliamo di disattivare il plugin "Adblock plus" per Firefox oppure di utilizzare un altro browser (Chrome, Internet Explorer, ecc.).

QUADRO A - Redditi dei terreni

Il reddito dei terreni si distingue in reddito dominicale e reddito agrario. Al proprietario del terreno o al titolare di altro diritto reale spetta sia il reddito dominicale sia il reddito agrario, nel caso in cui lo stesso svolga direttamente l'attività agricola. Se l'attività agricola è esercitata da un'altra persona, il reddito dominicale spetta, comunque, al proprietario, mentre il reddito agrario spetta a chi svolge l'attività agricola.
Deve utilizzare questo quadro:

  • chi è proprietario o possiede a titolo di enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, terreni situati nel territorio dello Stato per cui è prevista l'iscrizione in catasto con attribuzione di rendita. In caso di usufrutto o altro diritto reale il titolare della sola "nuda proprietà" non deve dichiarare il terreno;
  • l'affittuario che esercita l'attività agricola nei fondi in affitto e l'associato nei casi di conduzione associata. In questo caso deve essere compilata solo la colonna relativa al reddito agrario. L'affittuario deve dichiarare il reddito agrario a partire dalla data in cui ha effetto il contratto;
  • il socio, il partecipante dell'impresa familiare o il titolare d'impresa agricola individuale non in forma d'impresa familiare che conduce il fondo. Se questi contribuenti non possiedono il terreno a titolo di proprietà, enfiteusi, usufrutto o altro diritto reale, va compilata solo la colonna del reddito agrario.

- Fonte: Istruzioni per la compilazione del 730/2018

Come si compila il Quadro A

I redditi dominicali e agrari possono essere ricavati direttamente dagli atti catastali se la coltura praticata corrisponde a quella risultante dal catasto; se non corrisponde, vanno seguite le indicazioni contenute in Appendice alla voce "Variazioni di coltura dei terreni".
I redditi dominicale e agrario delle superfici adibite alla funghicoltura, in mancanza della corrispondente qualità nel quadro di qualificazione catastale, sono determinati mediante l'applicazione della tariffa d'estimo più alta in vigore nella provincia dove è situato il terreno. Tale metodo si applica anche alle superfici adibite alle colture prodotte in serra.
Si precisa che l'attività di funghicoltura è considerata agricola se vengono rispettati i limiti di cui all'art. 32, comma 2, lett. b) e c) del Tuir.

- Fonte: Istruzioni per la compilazione del 730/2018

Legenda pulsanti

Puoi selezionare

Pulsante Salva per salvare i dati inseriti
Pulsante Ripristina per recuperare i dati precedenti
Pulsante Ripulisci per cancellare i dati presenti
Pulsante Aggiungi Modulo per inserire un nuovo modulo
Pulsante Rimuovi Modulo per eliminare un modulo aggiunto

Se lo spazio disponibile nel modello non è sufficiente per i dati che devi inserire, clicca su "Aggiungi modulo" in alto a destra per compilare altri moduli.

Inserisci le ulteriori informazioni nel modulo aggiunto.

Clicca sul numero del modulo, in alto a destra, per visualizzare tutte le informazioni inserite.

In caso di errore seleziona "Rimuovi modulo", per eliminare il nuovo modulo.

Pulsante Rimuovi Modulo

Attenzione: per confermare i dati che inserisci ricordati sempre di selezionare "Salva".
Poi dal menù "Modifica 730" scegli la successiva voce che ti interessa.

Per ulteriori informazioni sulla compilazione relativa al presente quadro è possibile consultare le istruzioni del modello 730/2018 (da pagina 18)