Contenuti della pagina| Menu principale

Il sito La tua dichiarazione precompilata - Info e Assistenza è un progetto dell'Agenzia delle Entrate

Altre lingue:

Quadro RN - Quadro RV - Quadro LC

Attenzione: per confermare i dati che inserisci ricordati sempre di selezionare "Salva".
Poi dal menù "Redditi PF 2018" scegli la successiva voce che ti interessa.

In tale sezione trovi il risultato contabile della tua dichiarazione: il calcolo dell'Irpef, delle addizionali e delle altre imposte che potranno essere a debito o a credito.

Legenda pulsanti

Puoi selezionare

pulsante Salva per salvare i dati inseriti
pulsante Ripristina per recuperare i dati precedenti
pulsante Ripulisci per cancellare i dati presenti

Quadro RN - Determinazione dell'IRPEF

Quadro RN – Determinazione dell'IRPEF

Questo quadro riassume tutti i dati, dichiarati negli altri quadri di questo modello, utili per determinare l'imposta sul reddito delle persone fisiche (Irpef) dovuta per l'anno d'imposta 2017.
Per i contribuenti residenti in Italia l'imposta si applica sul reddito complessivo formato, da tutti i redditi posseduti, ovunque prodotti, al netto degli oneri deducibili indicati nell'articolo 10 del TUIR (per i non residenti consultare la "Guida alla compilazione per i non residenti" presente alla fine del fascicolo 2 di questo Modello).
Per determinare l'imposta dovuta si tiene conto altresì delle detrazioni e dei crediti d'imposta previsti.
Al fine di calcolare l'eventuale imposta a debito o a credito è necessario considerare anche gli acconti già versati e le ritenute d'acconto.

- Fonte: Istruzioni per la compilazione Redditi 2018 [Fascicolo 1]

Per ulteriori informazioni sulla compilazione relativa al presente quadro è possibile consultare le istruzioni del modello Redditi Persone Fisiche 2018 [Fascicolo 1] (da pagina 83)

Quadro RV - Addizionale regionale e comunale all'IRPEF

Quadro RV – Addizionale regionale e comunale all'IRPEF

Chi è tenuto al pagamento

Le addizionali regionale e comunale all'IRPEF sono dovute dai contribuenti, residenti e non residenti, per i quali, con riferimento all'anno 2017, risulti dovuta l'IRPEF dopo aver sottratto le detrazioni d'imposta spettanti e i crediti d'imposta per redditi prodotti all'estero sempreché quest'ultimi abbiano subìto all'estero il pagamento delle imposte a titolo definitivo.
[...]

- Fonte: Istruzioni per la compilazione Redditi 2018 [Fascicolo 1]

Per ulteriori informazioni sulla compilazione relativa al presente quadro è possibile consultare le istruzioni del modello Redditi Persone Fisiche 2018 [Fascicolo 1] (da pagina 104)

Quadro LC - Cedolare secca sulle locazioni

QUADRO LC – Cedolare secca sulle locazioni

Rigo LC1 (Cedolare secca sulle locazioni): Il rigo è riservato all'indicazione dell'imposta sostitutiva, con aliquota del 21 per cento o del 10 per cento, dovuta sul reddito imponibile derivante dai contratti di locazione per i quali si è optato per l'applicazione del regime della cedolare secca e dell'imposta sostitutiva al 21 per cento dovuta sui contratti di locazione breve (inferiori a 30 giorni).

Rigo LC2 Acconto cedolare secca locazioni per l'anno 2018
Nel modello REDDITI va riportato, se dovuto, l'ammontare dell'acconto relativo alla cedolare secca per l'anno 2018. Per stabilire se è dovuto o meno l'acconto relativo alla cedolare secca per l'anno 2018 occorre controllare l'importo indicato nel rigo LC1, colonna 5, "Differenza". Se questo importo:

  • non supera euro 51,65, non è dovuto acconto;
  • supera euro 51,65, è dovuto acconto nella misura del 95 per cento del suo ammontare.

- Fonte: Istruzioni per la compilazione Redditi 2018 [Fascicolo 1]

Per ulteriori informazioni sulla compilazione relativa al presente quadro è possibile consultare le istruzioni del modello Redditi Persone Fisiche 2018 [Fascicolo 1] (da pagina 81)