Domande frequenti

Intestazione domande frequenti

Domande frequenti

Navigazione Categorie

Scegli una categoria:

Tutte le faq

Aggregatore Risorse

  • Possibile motivazione: risultano due o più comunicazioni relative allo stesso contratto di assicurazione.
    Cosa fare: controllare la documentazione, verificare l'importo detraibile ed eventualmente contattare l'Assicurazione; inserire l'importo corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta un controllo preventivo sul rimborso emergente dal 730/2020 che ha determinato il totale o parziale disconoscimento dell’onere, relativo a un premio assicurativo, indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: questo onere non risulta indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'Assicurazione ha comunicato l'esistenza di una cessione del contratto durante il periodo d'imposta 2020.
    Cosa fare: verificare la presenza della cessione del contratto e tener conto dell'intero ammontare del premio per applicare i limiti di detraibilità previsti dalla legge e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta comunicato da parte dell’Assicurazione il versamento del premio superiore a 8.000 euro.
    Cosa fare: verificare la correttezza del dato trasmesso e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Questo contenuto ti è stato utile ?

 

  • Possibile motivazione: risultano due o più comunicazioni relative allo stesso contratto di assicurazione.
    Cosa fare: controllare la documentazione, verificare l'importo detraibile ed eventualmente contattare l'Assicurazione; inserire l'importo corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: rispetto a questa voce risulta un controllo documentale sulla dichiarazione del 2018 (redditi 2017).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta un controllo preventivo sul rimborso emergente dal 730/2020 che ha determinato il totale o parziale disconoscimento dell’onere, relativo a un premio assicurativo, indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: questo onere non risulta indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'importo che ha comunicato l'Assicurazione e ricondotto ai limiti è maggiore di oltre il 50% rispetto a quello indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: controllare la documentazione, eventualmente contattare l'Assicurazione per verificare qual è l'importo detraibile e inserire quello corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'Assicurazione ha comunicato l'esistenza di un contratto in cui il beneficiario è diverso dal contraente, per cui è necessario verificare se sussiste la condizione di familiare fiscalmente a carico.
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'Assicurazione ha comunicato l'esistenza di una cessione del contratto durante il periodo d'imposta 2020.
    Cosa fare: verificare la presenza della cessione del contratto e tener conto dell'intero ammontare del premio per applicare i limiti di detraibilità previsti dalla legge e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

 


Questo contenuto ti è stato utile ?
  • Possibile motivazione: risultano due o più comunicazioni relative allo stesso contratto di assicurazione.
    Cosa fare: controllare la documentazione, verificare l'importo detraibile ed eventualmente contattare l'Assicurazione; inserire l'importo corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: risulta un controllo preventivo sul rimborso emergente dal 730/2020 che ha determinato il totale o parziale disconoscimento dell’onere, relativo a un premio assicurativo, indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi
  • Possibile motivazione: rispetto a questa voce risulta un controllo documentale sulla dichiarazione del 2018 (redditi 2017).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: questo onere non risulta indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019).
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'importo che ha comunicato l'Assicurazione e ricondotto ai limiti è maggiore di oltre il 50% rispetto a quello indicato nella dichiarazione del 2020 (redditi 2019). 
    Cosa fare: controllare la documentazione, eventualmente contattare l'Assicurazione per verificare qual è l'importo detraibile e inserire quello corretto nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'Assicurazione ha comunicato l'esistenza di un contratto in cui il beneficiario è diverso dal contraente, per cui è necessario verificare se sussiste la condizione di familiare fiscalmente a carico.
    Cosa fare: verificare di avere tutti i requisiti e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.
  • Possibile motivazione: l'Assicurazione ha comunicato l'esistenza di una cessione del contratto durante il periodo d'imposta 2020.
    Cosa fare:verificare la presenza della cessione del contratto e tener conto dell'intero ammontare del premio per applicare i limiti di detraibilità previsti dalla legge e, in caso positivo, inserire il dato nel quadro E del 730 o quadro RP del modello Redditi.

Questo contenuto ti è stato utile ?

L’erede per accedere alla dichiarazione precompilata del de cuius, e poi inviarla, deve essere abilitato. A tal fine deve recarsi personalmente presso un qualsiasi ufficio territoriale dell’Agenzia delle entrate ed esibire la documentazione attestante la propria condizione di erede o una dichiarazione sostitutiva con la quale attesta la propria condizione. In alternativa, l’erede può inviare la richiesta all’ufficio territoriale tramite PEC, sottoscrivendola digitalmente. Inoltre, se un erede, autorizzato all’accesso, ha già inviato la dichiarazione 730 precompilata riferita alla persona deceduta oppure l’ha accettata o ha iniziato a modificarla, gli altri eredi autorizzati all’accesso possono comunque visualizzarla e stamparla, ma non possono inviarla.Per consentire l’invio ad un altro erede abilitato, l’erede che ha già effettuato l’accesso deve prima “rinunciare” attraverso un’apposita funzionalità presente nell’applicativo web.


Questo contenuto ti è stato utile ?

Il messaggio appare quando il codice fiscale, il pincode o la password iniziale sono stati digitati in modo errato. Ricorda che l’accesso ai servizi on line dell’Agenzia può essere effettuato con l’identità SPID o con la Carta di identità elettronica (CIE) o con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).


Questo contenuto ti è stato utile ?

È possibile che la nuova password e/o il pincode siano stati digitati in modo errato oppure che sia rimasta memorizzata nel proprio browser la password precedente. In questo ultimo caso modificare la password memorizzata digitando quella valida. Eventualmente, sarà necessario eliminare le informazioni di compilazione automatica dei moduli, utilizzando l’apposita funzionalità presente all’interno del browser utilizzato e le informazioni contenute nella cache. Ricorda che l’accesso ai servizi on line dell’Agenzia può essere effettuato con l’identità SPID o con la Carta di identità elettronica (CIE) o con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).


Questo contenuto ti è stato utile ?

È probabile che l’abilitazione al servizio non sia più valida. Si ricorda che la registrazione al servizio Fisconline scade il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di ultima utilizzazione; ovvero, nel caso in cui rimanga del tutto inutilizzato dopo l’assegnazione, scade il 31 dicembre del secondo anno successivo a quello di rilascio.

Se sei titolare di partita IVA attiva, oppure una persona fisica già autorizzata ad operare in nome e per conto di altri soggetti (gestori incaricati o operatori incaricati), puoi chiedere la disabilitazione dell’utenza e, successivamente, una nuova registrazione al servizio Fisconline

Per i cittadini, dal 1° marzo 2021, non è possibile richiedere nuove credenziali Fisconline.

Ricorda che l’accesso ai servizi on line dell’Agenzia può essere effettuato con l’identità SPID o con la Carta di identità elettronica (CIE) o con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).


Questo contenuto ti è stato utile ?

La password di accesso ai servizi telematici, per motivi di sicurezza, scade dopo 90 giorni e se l'utente prova ad accedere con le proprie credenziali, il sistema richiederà automaticamente l'aggiornamento della password di accesso. Sarà quindi sufficiente digitare la vecchia password e inserire per due volte la nuova password. Ricorda che l’accesso ai servizi on line dell’Agenzia può essere effettuato con l’identità SPID o con la Carta di identità elettronica (CIE) o con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).


Questo contenuto ti è stato utile ?

E' possibile ottenere nuovamente la password iniziale utilizzando l'apposita funzionalità disponibile nel sito web dell'Agenzia delle entrate, accessibile dal seguente link: “Recupero della password iniziale”.
  Ricorda che l’accesso  ai servizi on line dell’Agenzia può essere effettuato con l’identità SPID o con  la Carta di identità elettronica (CIE) o con la Carta Nazionale dei Servizi  (CNS).

 


Questo contenuto ti è stato utile ?

La password iniziale deve essere digitata rispettando il formato maiuscolo/minuscolo in cui è stata fornita.
Ricorda che l’accesso ai servizi on line dell’Agenzia può essere effettuato con l’identità SPID o con la Carta di identità elettronica (CIE) o con la Carta Nazionale dei Servizi (CNS).


Questo contenuto ti è stato utile ?
Mostrati 11 - 20 su 139 risultati.